SCORCI D’AUTORE

Il nostro portale turistico si chiama visitagiovinazzo quindi è nato con lo scopo di diffondere le bellezze di questa terra. Ma altresì proponiamo Giovinazzo come “perla dell’Adriatico” da cui muoversi alla scoperta di tutta la Puglia.

Con questo scopo da oggi parte una “rubrica” che abbiamo chiamato “scorci d’autore” in cui troveremo penne illustri della nostra Puglia che descrivono per noi un luogo a loro caro; differenti chiavi di lettura di una terra ricca di suggestioni, forti valori, espressioni culturali ed artistiche uniche.

Gli autori pugliesi, conosciuti anche a livello nazionale, emozionano i lettori raccontando la loro terra di origine, dalla quale spesso sono lontani ma che è sempre presente nei loro cuori.

La prima autrice illustre che inaugura questa rubrica e’ Gabriella Genisi nata nel 1965 e abita vicino al mare, a pochi chilometri da Bari (Mola di Bari). Ha scritto numerosi libri e ha inventato il personaggio del commissario Lolita Lobosco, la poliziotta più sexy del Mediterraneo, protagonista di alcuni romanzi pubblicati da Sonzogno: La circonferenza delle arance (2010), Giallo ciliegia (2011), Uva noir (2012), Gioco pericoloso (2014), Mare nero (2016), Dopo tanta nebbia(2017).

Abbiamo cominciato con Gabriella Genisi perche’ la protagonista dei suoi gialli, Lolita Lobosco, ha rapporto viscerale con la propria terra. Abbiamo chiesto a Gabriella se tale attaccamento puo’ al giorno d’oggi limitare la vita professionale di un giovane.

“Credo di no, perché le nuove generazioni hanno uno stato mentale più liquido, più globalizzato e forse anche a causa della precarietà che attraversa in linea orizzontale il mondo contemporaneo, si sentono a casa in ogni parte del mondo.”

———————————————————————————————————————————————————————————————————-

Gabriella ci parla della sua Mola di Bari:

Negli ultimi anni, la Puglia è ai vertici delle destinazioni più ambite e visitate dai turisti. La diversità del territorio, gli scenari mozzafiato, e circa ottocento chilometri di costa, attirano un numero sempre maggiore di visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Numerosi e vari sono gli itinerari che appagheranno ogni esigenza. Sono necessarie solo fantasia e una cartina geografica per lasciarsi condurre in un itinerario gastronomico percorrendo le vie del vini e degli oli pugliese, eccellenze riconosciute in campo mondiale; o seguendo il percorso dei Castelli, da Castel del Monte a Oria, proseguendo per Otranto. Per gli appassionati del settore, imperdibile è l’itinerario religioso, da Monte Sant’Angelo, San Giovanni Rotondo, fino alla Basilica di San Nicola. Per i palati più raffinati c’è quello letterario, seguendo e visitando le città raccontate nei libri dagli autori pugliesi, dalla Foggia di Piernicola Silvis, alla Martina Franca di Mario Desiati, passando per la Taranto di Alessandro Leogrande, fino alla Bari di Carofiglio, Lagioia, Introna, Mazza e molti altri. Non dimentichiamo il fil rouge più gettonato, quello vacanziero cioè, che conduce nelle località di mare più belle, dalle scenografie selvagge delle Isole Tremiti e del Gargano – imperdibili Vieste e Peschici – fino all’acqua cristallina di Gallipoli e di Maruggio.

Chi sceglierà di avventurarsi in un percorso marinaro, dopo aver visitato Trani, Molfetta, Giovinazzo e Torre a mare, non mancherà di visitare Mola di Bari, San Vito e Monopoli, con i loro borghi affascinanti, ognuno con la sua storia e la propria tipicità.

Mola di Bari è il paese dove abito da molti anni e detiene un primato unico in tutta la Puglia: un mercato del pesce affollatissimo nei pomeriggi di undici mesi all’anno, quando i pescherecci fanno ritorno e scaricano il pescato sulla banchina. La clientela, composta anche da ristoratori dei paesi limitrofi, arriva da tutta la provincia e non manca poi di passeggiare sul fronte mare ridisegnato dal celebre architetto spagnolo Oriol Bohigas, e di fare la spesa sulle seggiole impagliate che i contadini espongono fuori dalle abitazioni con gli ortaggi in bella mostra. Olive, carciofi, mandorle, cicorielle di campagna, zucche, fave secche… Il turista non ha che l’imbarazzo della scelta per un viaggio nei sapori e nei colori di Puglia.”

Gabriella Genisi

Share This