Ormai alla sua ottava edizione, il primo dicembre si inaugura il presepe a cura di Saverio Amorisco, presso la Chiesa di Maria Santissima del Carmine in via Cattedrale.
E’ diventata una vera e propria tradizione e un appuntamento che ufficializza il Natale a Giovinazzo. Pian piano, negli anni, ci siamo affezionati a questo presepe suggestivo ed emozionante e ringraziamo il suo autore, Saverio Amorisco (nella foto scattata da Lorenzo Cannato), che rinnova puntualmente questo importante evento.
Saverio è un giovane, laureato in teologia, e appassionato da sempre di presepi. Un sentimento che coltiva da quando era bambino, quando sua nonna gli ha trasmesso questo amore smisurato per l’arte presepiale. Nasce così, con semplicità e sentimento, l’idea di rappresentare la natività in un presepe monumentale, che ormai da 8 anni attira turisti e amatori del genere.
Il suo non è un semplice presepe, ma è particolare per dimensioni, giochi di luce, tessuti e materiali utilizzati. La preparazione è lunga e impegnativa, il progetto dura mesi fino alla realizzazione che ogni anno affronta un tema sintetizzato nel titolo: “Figlio donato alla Terra”.
Nessuna indiscrezione invece su quello che vedremo, top secret fino al primo dicembre, data in cui la Chiesa Maria Santissima del Carmine aprirà le porte per accogliere quanti vorranno omaggiare Saverio Amorisco e la sua opera. Il presepe quest’anno sarà visionabile fino al 20 gennaio.
Share This